Cosa faccio

La medicina occidentale moderna, oggi, con le evidenze scientifiche nel campo della medicina quantistica invita i medici con una visione olistica a perseverare nell’includere la coscienza con tutto ciò che la riguarda nell’inquadramento del paziente che si presenta alla nostra osservazione per i suoi problemi di salute.

Ci occupiamo di prevenzione primaria nel rivolgere l’ascolto verso l’interiorità, guidare il paziente all’ascolto profondo di se stesso. Il tempo che viviamo ci chiama alla resilienza, quindi a avere una visione più inclusiva. Curare non soltanto il sintomo nel corpo, ma considerare l’aspetto emotivo e quello mentale-spirituale.

Nutrire l’energia spirituale significa risvegliare la saggezza insita nella memoria cellulare per meglio gestire e trasformare le emozioni patologiche che tendono a stagnare e influenzare negativamente il funzionamento organico del corpo.

Se volessimo rappresentare questo con uno schema vedremmo un punto centrale all’interno di un cerchio racchiuso in un cerchio più grande ancora. Il grande cerchio rappresenta il contenitore, il corpo fisico, il piccolo cerchio rappresenta il corpo energetico e il punto centrale rappresenta lo spirito, l’aspetto più sottile dell’energia.

Tendere verso l’armonia attraverso l’ascolto interiore significa tendere una centratura che mantiene il sistema immunitario vigile nel mantenere l’equilibrio di salute.